[Sondaggio] Di che GDR sei?

Di che gdr sei? Cominciamo con lo spiegare perché mi sono prodigato a fare questo sondaggio. Volevo solo prendere una visione un po’ più concreta di come i contatti che posso raggiungere vedono oggi il gioco di ruolo e, soprattutto, come è visto mediamente il Play by Forum che è il punto di forza di Dragonisland.

La risposta non può essere concreta e probabilmente non mostrerò assolutamente nulla di nuovo sotto al sole. Molti risultati di questo sondaggio dipendono parecchio dalle persone che io stesso sono capace di raggiungere e quindi di per sé il risultato è già un pochino filtrato.

Tradizionali e nuovi

La prima cosa che balza all’occhio è che D&D non è più l’unico gioco che viene preso di mira. Rimane in testa alla classifica come il più giocato di sempre, ma viene fiancheggiato concretamente da Pathfinder. I giochi di ruolo “Tradizionali” sono sempre i più noti ma i giochi nuovi scalano la classifica e sono ad oggi i più giocati e apprezzati.

Di che gdr sei?

Purtroppo ho dimenticato di inserire una domanda fondamentale ovverosia: “A cosa stati giocando adesso?”. Avrei così potuto capire se chi rispondeva al sondaggio stava giocando oggi a un tradizionale o un gioco nuovo.

Questa domanda mi è rimasta nella tastiera purtroppo. La lista dei giochi di ruolo disponibili è cresciuta a dismisura e oggi abbiamo una scelta davvero vasta da cui pescare a piene mani. Tra quelli che avevo inserito io nella lista (i più famosi) e quelli aggiunti da coloro che hanno risposto (che ringrazio tra l’altro) si superano i 150 titoli. Mi ricordo quando ho iniziato io. O si giocava a D&D o si giocava a Warhammer e si faceva fatica a trovare qualcos’altro. Forse Cyberpunk e pochi altri titoli perlopiù in inglese.

Interessanti anche le risposte sui “creatori di giochi”. Sembra che moltissimi di coloro che hanno risposto abbiano in qualche modo provato a creare un gioco di ruolo e quasi tutti hanno provato a scrivere un’ambientazione.

Di 75 risposte ben 51 hanno risposto sì alla domanda: “Hai mai Creato un Gioco di Ruolo o un'ambientazione?”

Diciamo che nessuno si fa problemi a giocare dal vivo e moltissimi sono più che disponibili a gettarsi nel Play by Video.

Di che gdr sei?

Play by Chat, Play by Forum e Play by Video

Un po’ meno rosea è la situazione per il Play by Chat e il Play by Forum che sono entrambi i più criticati per ovvi motivi. Qui naturalmente non sto portando nulla di nuovo sotto il sole.

Il Play by Chat viene ritenuto caotico, ma divertente e più facile del Play by Forum. Se affiancato alle dinamiche di una land virtuale, può assumere una sua identità di qualche tipo e dare una valida sensazione di persistenza, ma se compiuto con ritrovi organizzati in chat viene del tutto spazzato via dal Play by Video. Effettivamente il play by chat avviene in real time ed è necessario che le persone si trovino contestualmente nello stesso momento online e in tal caso, a meno di scelte bene precise o impedimenti di infrastruttura, tanto vale giocare by Video.

Anche qui i regolamenti by chat sono poco congrui e sembra non ci sia un vero game design dedicato alle meccaniche via Chat. Tuttavia, sempre per le land virtuali, se ci sono moderatori attivi in ogni stanza e la programmazione della land è valida, fornendo una buona infrastruttura, la situazione si fa più concreta e divertente.

Bisogna dire che la gestione di una Land Virtuale è complessa, necessita di valide risorse e di un’organizzazione solida e duratura nel tempo.

I commenti riguardo il Play by Chat sono comunque mediamente positivi. Il Play by Chat come il Play by Video è ritenuto un gioco di ruolo surrogato. Ovverosia un “meglio di nulla” o alternativa al gioco al tavolo qualora non ci sia altro modo per giocare.

La Land Virtuale invece è trattata in modo differente dal Play by Chat (nonostante avvenga tramite chat) e costituisce un insieme di meccaniche e strutture che la contraddistinguono.

Come ahimé mi aspettavo, il Play by Forum è il più “bistrattato”. Ritenuto dai più “lento” e “noioso” privo di interazione e destinato per sua natura ad arenarsi il maggior numero di volte, il Play by Forum ha ricevuto il maggior numero di commenti negativi e il maggior numero di: “Ci ho già giocato ma non lo farò mai più!”

In effetti i commenti che ho letto mi trovano d’accordo: il Play by Forum contiene dei “difetti” o “problematiche” intrinseche molto complesse da risolvere.

Su Dragonisland, prediligendo proprio questo genere di gioco, ne abbiamo discusso moltissimo. La lentezza è fuori discussione uno dei “problemi”. Nonostante possa essere una sua caratteristica e non un difetto, se estenuante, demotiva.

Di che gdr sei?

Quindi il problema, per come la vedo io, è la costanza e la motivazione, piuttosto che la lentezza. Un gioco lento, ragionato e capace di proiettare il giocatore in una visione delle proprie azioni/pensieri a lungo termine è una caratteristica che, se sfruttata dal game design, può donare immersione nella trama e un gioco più rivolto all’intimo pensiero del personaggio interpretato, piuttosto che alla pura azione o interazione.

Interagire attraverso le azioni è più semplice. Interagire attraverso le introspezioni è più complesso e richiede uno sforzo e una dedizione maggiori.

Il Play by Forum è un gioco a sé stante. A differenza del Play by Chat e del Play by Video, che sono a tutti gli effetti dei surrogati, il Play by Forum ha maggiormente le carte per costituire un gioco vero e proprio con dinamiche concrete dedicate ad esso.

Sempre nella mia esperienza, il Play by Forum abbisogna di un arbitro che si prodighi nel sollecitare e tenere vivo il ritmo. Se anche l’arbitro (come spesso è successo nei miei casi) non riesce a star dietro al ritmo, il gioco è destinato a naufragare nel nulla.

Sono portato quindi a credere che un Play by Forum, per donare un’esperienza appagante, debba sottostare a precise scelte di design che lo rendano diceless e masterless onde evitare rallentamenti dovuti al calcolo aleatorio e rallentamenti dovuti all’impossibilità dell’arbitro di prodigarsi a dovere. Inoltre il Play by Forum deve avere una durata breve. Una “campagna” in un play by forum può essere redatta facendo un insieme di piccole avventure sempre fini a sé stesse, ma magari con connotati comuni. Facendo così se il gruppo diventa stabile e solido magari la campagna può durare a lungo, ma se invece il gruppo è lento e tende ad arenarsi, potrà avere comunque buone probabilità di arrivare al compimento della storia. Se si riesce ad arrivare in fondo, il grado di appagamento e soddisfazione dovrebbe aumentare, motivando il giocatore a giocare ancora.

Per breve intendo molto breve, un’avventura by forum dovrebbe iniziare e terminare dopo massimo 2 mesi, facendo almeno un post a settimana.

Probabilmente meccaniche narrative a forma “aperta” come Archipelago II, potrebbero funzionare meglio delle meccaniche più tradizionali "arbitro-giocatori". Una meccanica come quella di Archipelago potrebbe superare anche il limite imposto del gioco dei dialoghi.

Nonostante i Play by Forum su Dragonisland siano il “fiore all’occhiello” e ne siano stati fatti di memorabili, mi rendo concretamente conto che le problematiche evidenziate da tutti siano effettivamente ancora in atto e ancora irrisolte.

Concludo dicendo che attraverso questo sondaggio e attraverso alcuni ultimi commenti che ho ricevuto sul Drama Master (regolamento per Play by Forum prodotto da Dragonisland) ho elaborato altre teorie che sto maturando attraverso qualche piccolo esperimento come i giochi che ho provato a proporre “Sliding Doors” e “Through the veil”.

Spero di riuscire a elaborare un nuovo regolamento per Play by Forum che faccia del Drama Master un concreto esempio di successo nella meccanica del gioco attraverso la forma scritta in differita.

Grazie a tutti coloro che hanno speso tempo rispondendo a questo piccolo sondaggio, donandomi informazioni preziose per i miei divertenti esperimenti. A suon di sperimentare non è da escludersi che un giorno riesca anche a fare qualcosa di buono ;)


Leggi il Sondaggio

Please login to view comments.